Come impostare la tua strategia di Marketing [Parte 2]

In questa seconda parte troverai spunti utili (e anche pratici esempi) per trasformare in azione quello che abbiamo visto nella prima parte.

Abbiamo raccolto tutte le migliori strategie che potresti compiere, già da subito, per farti conoscere e attrarre nuovi pazienti. Le abbiamo suddivise in due gruppi, quelle offline e quelle online, per comodità espositiva. È bene però precisare che non sono attività totalmente slegate e vanno viste come due facce della stessa medaglia.

Le strategie offline

Le professioni di Biologo Nutrizionista e Dietista sono attività che si svolgono soprattutto localmente, solitamente in una determinata zona.

Partiamo quindi con 6 azioni che potresti intraprendere per farti conoscere dapprima nella zona dove operi (o intendi operare).

  1. Contatta alcune aziende nella tua zona
    Proponi un “workshop” gratuito sulla nutrizione, molti dei dipendenti che ti ascolteranno potrebbero diventare tuoi pazienti. Per essere maggiormente rilevante e interessante, cerca di proporre temi e contenuti in linea con la tipologia di azienda e con le modalità lavorative dei dipendenti.

  2. Partecipa ad un evento locale sulla nutrizione o su tematiche affini
    Proponiti come relatore in convegni o seminari. Puoi contattare gli organizzatori e proporre di fare una presentazione o un intervento.

  3. Organizza un evento gratuito sulla nutrizione nella tua zona
    Contatta colleghi, medici e psicologi della zona per organizzare l’evento in collaborazione. Oppure organizzalo in maniera indipendente.

  4. Prepara dei volantini e/o brochure e posizionali nei luoghi strategici
    Esempio: contatta il tuo medico e chiedi se puoi lasciarli nella sala d’aspetto del suo studio.

  5. Scrivi articoli sulla nutrizione nei giornali o nelle riviste locali
    Contatta quotidiani o testate online della tua città e proponiti.

  6. Crea partnership con attività locali affini o complementari
    Una delle strategie più utili perché prevede zero costi.
    Ti permetterà di farti conoscere nella tua zona (soprattutto se stai avviando l’attività in questo momento). Ad esempio potresti stringere accordi con poliambulatori, palestre, centri sportivi, erboristerie, locali “veg” o che commercializzano prodotti biologici.

Quando hai pensato a come iniziare a promuoverti probabilmente ti sarà venuto in mente il web e tutte le possibilità che senza dubbio offre (i social ad esempio sono uno strumento molto potente).

Spesso però azioni come quelle appena viste, a volte semplici e anche banali, se fatte con metodo, possono portare a risultati davvero sorprendenti. Provare per credere!

Prima di passare alle strategie online, ti illustriamo 2 principi cardine (oseremmo dire sempre validi, senza tempo e senza spazio) che se messi in pratica possono diventare strategie altrettanto potenti. Una di queste in particolare caratterizza (o dovrebbe caratterizzare) ogni buon professionista.

  • Coltiva relazioni
    I rapporti interpersonali devono essere il fulcro della tua vita professionale. Le buone relazioni creano opportunità e nuove occasioni. Come qualsiasi attività ben fatta necessita di tempo e cura, ed è importante farlo con metodo.
  • Prenditi cura dei tuoi pazienti
    Trattate ogni paziente in maniera unica, tornerà da voi non da solo ma insieme agli amici, ai parenti, ai colleghi. L’unico modo efficace e sicuro per innescare il passaparola è avere dei pazienti soddisfatti.

Le strategie online

Non possiamo più scegliere se essere o meno presenti sul web, a maggior ragione quando si inizia un’attività da liberi professionisti.

Essere solo “presenti” però non basta più. Bisogna farlo con visione, strategia, organizzazione e anche una buona dose di creatività. Ti consigliamo infatti di ritagliarti del tempo, giornalmente, per curare la tua comunicazione. E di aggiornare i tuoi canali con continuità e costanza.

  1. Investi in un sito web
    Il sito web è il punto di partenza per una buona presenza online. Deve essere il tuo spazio, la tua “casa” e come tale deve presentarsi. In altre parole, deve rispecchiare la tua identità professionale: quello che davvero sei, la tua esperienza, le tue specificità e deve parlare ai tuoi potenziali pazienti. Il sito deve essere inoltre sia ottimizzato che performante, per questo ti consigliamo di affidarti a dei professionisti.

    Uno degli errori più comuni è pensare che una volta fatto il sito, esca subito alla prima ricerca, magari in prima pagina e sia facilmente trovabile dai nostri potenziali pazienti. Purtroppo non è così. Avere un sito non garantisce di per sé traffico (quindi risultati), ma è necessario un lavoro di ottimizzazione continuo e costante.

    Oltre al sito web, per farti trovare più facilmente, potresti registrare la tua attività e il tuo luogo di lavoro (eventualmente puoi registrare anche più di un luogo) sulla mappa di Google, attraverso “Google My Business”. Non solo, i pazienti potranno così lasciarti le recensioni, che ti daranno maggiore credibilità e autorevolezza (solo quelle buone ovviamente 😀 ). Ricorda che oggi tutti (compreso noi stessi) prima di fidarci e di procedere all’acquisto, o in questo caso di prenotare una visita specialistica, corriamo subito a leggere le opinioni degli altri.

  2. Il Blog
    All’interno del tuo sito potresti pensare di inserire il Blog, per attirare potenziali pazienti sul sito, e incuriosirli con contenuti utili e interessanti. 

    Facciamo subito una premessa importante: l’attività di “blogging” non può svolgersi senza quella di SEO. Anche se non deve essere l’unico scopo. L’obiettivo primario è parlare ai tuoi potenziali pazienti.

    La SEO, ovvero Search Engine Optimization (ottimizzazione per i motori di ricerca), aiuterà i tuoi articoli e il tuo sito a comparire, con il tempo, tra i risultati principali di Google (in particolare la super ambita “prima pagina dei risultati”). Tieni presente che la SEO è un’attività che non genera risultati nel breve termine e dunque viene spesso lasciata da parte. Ma non per questo ha meno valore delle altre attività, anzi.

    Il nostro consiglio è di iniziare a scrivere i primi articoli. Anche uno/due per mese, quello che conta è la costanza. La qualità, piuttosto che la quantità. Anche se non vedrai risultati da subito, i vantaggi sono innumerevoli. Prima di tutto aumenta di molto la probabilità di essere trovati dai tuoi potenziali pazienti, inoltre ti conferisce maggiore autorevolezza e fiducia, che in questo settore sono fondamentali, per arrivare alla prenotazione di una visita. Tutto questo si traduce banalmente in maggiori entrate.

  3. Sii presente sui Social Network
    Da includere nella propria strategia online sono certamente i Social Network. In particolare consigliamo Facebook e/o Instagram, quelli più utilizzati nel settore Nutrizionale.

    Ogni Social ha le sue specificità e per questo non vanno utilizzati tutti allo stesso modo. Cerca di sfruttare i canali in maniera diversa e sviluppare uno stile comunicativo per ognuno dei canali.

    Ti sconsigliamo di essere presente su tutti i Social se poi temi di non riuscire a curarli per mancanza di tempo. Meglio un solo canale ben curato che più canali gestiti male.

    Gestire i Social (anche un solo canale) richiede prima di tutto tempo e una strategia comunicativa ben precisa e in grado di differenziarsi. E lo sviluppo di una strategia, come abbiamo visto nella prima parte, implica studio e analisi. Pubblicare un post ogni tanto, quando capita, non ti farà raggiungere i risultati sperati.

    Essere ben presenti sui Social vuol dire essere utili, rilevanti, creativi, interessanti e mai banali.

Come integrare le strategie offline con quelle online

Con un piccolo esempio di un caso reale, ti illustriamo come impiegare i canali in maniera sinergica e integrata. Abbiamo scelto il caso di un evento sulla nutrizione.

Prima dell’evento
Sfrutta i Social per promuovere e sponsorizzare (post a pagamento) l’evento nella tua zona o città. In più, il giorno dell’evento e subito prima dell’inizio potresti pubblicare un video live per invitare gli ultimi indecisi.

Durante l’evento
Pubblica contenuti live, piccoli video, storie o anche semplici foto.
Potresti registrare il tuo intervento (o tutto l’evento) per pubblicarlo successivamente sui tuoi canali social. In più, per i soli presenti, potresti riservare uno sconto per determinate prestazioni.

Organizza un banchetto con le tue brochure, i tuoi bigliettini da visita e un foglio per la raccolta dei contatti (email ad esempio). La ragione potrebbe essere l’invio del materiale dell’evento (slide, video) e/o l’iscrizione ad una newsletter.

Post evento
Nei giorni seguenti pubblica il video (se disponibile) e le foto. Potresti fare un post spiegando i temi di cui si è discusso e raccontando come si è svolto l’evento. Se hai raccolto anche i contatti potresti utilizzarli per inviare un modulo per la raccolta feedback sull’evento.

Molti professionisti scelgono di tenere un profilo basso e di non esporsi troppo per svariate motivazioni, spesso di natura personale (insicurezza su tutti).
Non aver mai paura, anche di sbagliare. Buttati, rischia e sperimenta, sperimenta, sperimenta! Soprattutto se stai avviando la professione o l’hai avviata da poco.


0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *